Comunicare a un pubblico globale: intervista ad Alessandra Vellucci
La direttrice del servizio di informazione dell'Onu di Ginevra spiega come si parla al mondo intero, come far seguire quel che accade nel Palais des Nations fino a Vanuatu

Alessandra Vellucci, Direttrice, Servizio dell’informazione delle Nazioni Unite, Palais des Nations. UN Photo by Violaine Martin

di KIMBERLY GULIZIA

Alessandra Vellucci è la direttrice del Servizio dell’informazione delle Nazioni unite a Ginevra, il secondo polo di informazione dell’Onu. Oltre ad essere portavoce della sede ginevrina dell’Organizzazione, si occupa di supervisionare l’attività dell’ufficio che tiene le le relazioni con i giornalisti e di quelli delle relazioni esterne e…
Read More →

Una Fede femminista?
Michela Murgia non ha mai fatto mistero del suo essere cattolica ma al tempo stesso femminista. Nel suo ultimo libro tenta di mostrare che ciò è possibile senza contraddizioni

di MARIA CESTONE

Il tema affrontato nel nuovo libro di Michela Murgia « God save the queer – catechismo femminista” edito da Einaudi era già stato anticipato in « Ave Mary – e la chiesa inventò la donna » uscito nel 2011 e in generale è un tema che ritorna a più riprese nelle interviste e nei discorsi di Michela Murgia: non ha mai fatto mistero, infatti, del suo…
Read More →

Violenze e abusi sui prigionieri: l’Onu accusa Mosca e Kiev
La violenza è sistematica da parte delle truppe russe, più sporadica da parte di quelle ucraine: il risultato di un'indagine della Missione di monitoraggio delle Nazioni Unite

di KIMBERLY GULIZIA

Torture, violenze e umiliazioni: è questo il trattamento che Russia e Ucraina riservano ai prigionieri di guerra, violando le convenzioni di cui sono firmatarie. Lo ha affermato Matilda Bogner, capo della Missione di monitoraggio dei diritti umani in Ucraina durante la rassegna stampa del servizio di informazione delle Nazioni Unite di Ginevra del 15 novembre. Importanti violazioni sono infatti emerse da un’indagine realizzata…
Read More →

« Dalla prigionia mentale della dittatura si è generata la mia poesia »
Eliza Macadan, poetessa poliglotta formatasi durante il regime di Ceauşescu, spiega come il desiderio di evadere dalla propaganda l'abbia spinta a trovare modi per dire quel che pensava veramente

di MEDEA LEONARDI

Eliza Macadan è una poetessa e traduttrice rumena poliglotta attualmente residente a Bucarest, ma che ha vissuto in Italia per ben otto anni. La sua esperienza nella Penisola l’ha avvicinata alla lingua italiana, in cui ha poi scritto alcune poesie, pur continuando a comporre anche in rumeno e in francese. I suoi libri di versi hanno ricevuto riconoscimenti in Romania, Francia e Italia. L’esordio…
Read More →

« Così ho ricomposto il mio corpo dopo la bomba »
Morena Pedruzzi è sopravvissuta all'attentato del 28 aprile 2011 a Marrakech e ha dovuto rimettere insieme i pezzi di sé come nel kintzugi, arte Giapponese di saldare con metallo prezioso ciò che si è frantumato

di YANNICK DEMARIA

Unica sopravvissuta ticinese all’attentato jihadista del 28 aprile 2011 a Marrakech, Morena Pedruzzi, ora trentasettenne ed ergoterapista pediatrica, ha trovato la forza e il coraggio, dopo un lunghissimo e faticoso lavoro terapeutico di ricostruzione fisica e psicologica, di pubblicare la sua testimonianza: Risollevarsi. La mia vita dopo un attentato terroristico (Istituto Editoriale Ticinese).

L’attentato al Caffè Argana del 2011, di cui si…
Read More →

“7 Prisoners”: una storia di schiavitù moderna in Brasile
Il dramma racconta la storia di quattro ragazzi che, stanchi di lavorare nei campi, vanno a San Paolo alla ricerca di lavoro per poter mantenere le loro famiglie

di MEDEA LEONARDI

“7 Prisoners” – “7 Prisoneiros” in lingua originale – dramma brasiliano diretto da Alexandre Moratto e scritto in collaborazione con Thayná Mantesso, è ambientato ai giorni nostri, nella povera realtà brasiliana, e illustra la storia di un gruppo di ragazzi che, stanchi di lavorare nei campi delle campagne brasiliane, si recano a San Paolo alla ricerca di opportunità lavorative per poter mantenere le…
Read More →

“Evitare il monopolio dei media per un’informazione responsabile”
La radio non ha perso di attualità, nonostante la concorrenza di internet. Ne è convinta la giornalista della Rsi Michela Daghini, che sottolinea l’importanza del mezzo e di poter disporre di news affidabili

Michela Daghini

Michela Daghini; Foto presa dalla rivista Cenobio; http://www.edizionicenobio.com/contributors.php

di JACOPO GREPPI

Giornalista della Rsi, Michela Daghini, spiega in che modo un mezzo come la radio risulti ancora oggi attuale e di grande importanza e che – per avere un’informazione responsabile – è necessario evitare il monopolio dei media.

Negli anni ’30 il regista Orson Welles, senza rendersene conto, scatenò il panico quando alla radio fece credere agli ascoltatori…
Read More →

Edward J. Freak: l’arte come testamento
L'esordio letterario dell'artista veneto è un viaggio onirico che sotto certi aspetti ricorda quello di Dante nell'oltretomba

di OMAR POLETTI

In Il nuovo testamento artistico, il protagonista, e autore del racconto, Edward J. Freak (artista veneto, principalmente conosciuto per essere il frontman dei Superhorror e dei nuovi Project Kesha) – nel mezzo di una crisi artistica e letteraria, cerca di uscire dal suo silenzio creativo rifugiandosi nello chalet dei suoi genitori. Qui giunge in piena notte, dopo un lungo viaggio, accompagnato in questo…
Read More →

Adolescenza e metamorfosi di una giovane creatura marina
"Luca", il nuovo film animato di Enrico Casarosa, racconta la storia di un'amicizia tra due esseri acquatici antropomorfi e una ragazzina ligure

di CLAUDIO NEGRONI

I personaggi principali, da sinistra verso destra: Giulia Marcovaldo, Luca Paguro e Alberto Scorfano

Luca è il nuovo film di Enrico Casarosa, regista che è nato e cresciuto in Liguria, ma è emigrato ormai da una trentina di anni negli Stati Uniti d’America per formarsi professionalmente. Dopo aver lavorato presso i Blue Sky Studios e Disney Channel, è approdato alla Pixar Animation Studios.

Il protagonista eponimo…
Read More →

Ricostruire la storia territoriale per capire il Ticino di oggi
Intervista a Simonetta Biaggio-Simona, capo dell’ufficio dei beni culturali del Cantone

di BARBARA BERNASCONI

Di carattere disponibile e con un sorriso contagioso, Simonetta Biaggio-Simona racconta com’è diventata la donna in carriera che è oggi, partendo dai suoi primi allestimenti da professionista indipendente fino alla carica di capo dell’ufficio dei beni culturali del Canton Ticino, nel 2014.

Qual è stato il suo percorso di studi? E come ha trovato lavoro?

Dopo la maturità letteraria ho ottenuto una laurea…
Read More →

«Non abbiamo tempo per avere fretta»: intervista a Marko Miladinovic
Per lo scrittore, organizzatore e conduttore del Ticino Poetry Slam, il ruolo del poeta è quello di ricreare il mondo e le sue definizioni

A sinistra Flavio Calaon e a destra Marko Miladinovic; Studio Foce; 2018 (foto di Salvatore Vitale)

DI CLAUDIO NEGRONI

Alla domanda «Quando preferirebbe fare l’intervista?» risponde «Non abbiamo tempo per avere fretta»; così si presenta Marko Miladinovic, poeta, artista, organizzatore e conduttore del Ticino Poetry Slam.

«Sono un poeta, dunque non sono niente, e non voglio essere niente. Mi occupo di poesia», si autodefinisce con queste parole. 

Chiedendogli chi…
Read More →

House of Gucci: l’avidità come motore di distruzione di un nucleo famigliare
L'ambizioso ultimo film di Ridley Scott, interpretato da Lady Gaga, è deludente

Patrizia-Reggiani-e-Maurizio-Gucci

di JACOPO GREPPI

“Oggigiorno non c’è più nessun membro della famiglia Gucci all’interno della società Gucci”. È con questo genere di frase che l’ultimo film di Ridley Scott si conclude, riassumendone anche l’obiettivo narrativo: trattare lo sgretolamento di un nucleo famigliare in seguito all’avidità sfrenata di Patrizia Reggiani; la mandante dell’uccisione del marito Maurizio Gucci.

Il risultato è però deludente. A partire dalla narrazione: Per…
Read More →

La poesia per svuotarsi dal dolore e riempirsi d’amore
Nel romanzo "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino, si alternano prosa e versi

di GIORGIO REISSIAN

«La parola poesia deriva dal greco ποιέω, il cui significato letterale è “fare”. Spesso e volentieri non diamo il peso che merita alla felicità e ignoriamo la bellezza di ciò che ci circonda. L’invito di Alessio è quello di notarla, gioirne e accoglierla per decidere di fare adesso della propria vita una splendida poesia». Questo è l’appello del protagonista del romanzo Le parole…
Read More →